dieta vegana

22 Mar LA DIETA VEGAN CONTRO L’IGNORANZA DEI MEDICI

Nuovamente sotto accusa la dieta vegan.
Questa volta gli “esperti” puntano il dito sulle donne in gravidanza.
Si tratta dell’ennesimo e ingiustificato attacco che produce terrorismo psicologico e inutili allarmismi.
La Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana parla di dati poco attendibili:
“Non è stata rilevata la dieta di tutte le madri dei bambini.
Ci sono dentro casi di bambini figli di madri vegetariane che non sono in carenza e casi di figli di madri onnivore che invece sono in carenza.
Come al solito la notizia serve solo per attaccare la dieta vegetariana, non per fare corretta informazione!”

Secondo il professor Leonardo Pinelli specialista in pediatria, nutrizione e diabetologia non deve essere la DIETA VEGAN a finire sotto accusa ma un sistema che demonizza una scelta alimentare sana e adatta a tutti senza fornire le corrette informazioni, creando anzi caos e pregiudizi.

Nella tesina “CARNE ALLA RISCOSSA IN UNA PEDIATRIA CHE NON CONOSCE I BAMBINI” il naturopata Valdo Vaccaro sulla recente diatriba sostiene:
“I Congressi medici e pediatrici servono a ribadire con forza da quale parte sta la medicina.
Vale a dire dalla parte del grasso, del sangue, della vivisezione, dei bambini grassi e paffuti e ben vaccinati, ovvero dalla solita parte sbagliata.
Vale più che mai l’appello di Herbert Shelton ai genitori del mondo: Save your Baby, salva il tuo bambino dalle grinfie della pediatria ufficiale. Lo scrive a piene lettere nel suo stratosferico testo The Hygienic Care of Children.”

Una delle voci più autorevoli nel campo della nutrizione è quella del Dott. Micheal Greger che dal suo sito “Nutritionfacts.org” spiega:
La maggior parte dei decessi è prevenibile ed è correlata alla NUTRIZIONE.
Partendo da questo presupposto la NUTRIZIONE dovrebbe essere la materia numero uno nelle facoltà di medicina ma non è affatto così.
Un gruppo di importanti medici nel 2014 scrive: “la NUTRIZIONE riceve scarsa attenzione nella pratica medica e la ragione deriva, in gran parte, dalla grave carenza di educazione alimentare a tutti i livelli di formazione medica.”
(FONTE https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24754969)

Il paradosso è che i medici sono considerati dal pubblico tra le fonti più affidabili per le informazioni relative alla NUTRIZIONE mentre spesso la loro ignoranza sull’argomento contribuisce all’aumento delle malattie legate all’alimentazione.

Per capire davvero gli effetti di determinati alimenti sul nostro organismo i ricercatori hanno studiato i VEGETARIANI PENTITI.
Le persone che una volta mangiavano diete vegetariane ma poi hanno iniziato a mangiare carne almeno una volta alla settimana hanno sperimentato un aumento del 146% delle probabilità di malattie cardiache, un aumento del 152% di ictus, un aumento del 166% del diabete e un aumento del 231% di probabilità di aumentare di peso.

I ricercatori hanno dimostrato che una dieta a base vegetale può aiutare a prevenire, trattare o invertire alcune delle nostre principali cause di morte, comprese le malattie cardiache, il diabete di tipo 2 e l’ ipertensione.
Non solo.
Gli studi hanno inoltre evidenziato che le diete a base di frutta, verdura, legumi e cereali conducono ad una migliore digestione, aumento di energia e sonno migliore e un miglioramento significativo del funzionamento fisico, salute mentale e vitalità quindi connesso agli stati emotivi, tra cui depressione, ansia, affaticamento, senso di benessere e funzionamento quotidiano.

Chiaramente esistono persone che pur non essendo vegan mangiano in modo piuttosto equilibrato così come esistono vegan totalmente dipendenti da alimenti raffinati e trasformati.
Come abbiamo spesso ribadito in passato questa sfida tutta italiana tra onnivori e vegani ha fatto il suo tempo e medici e media DEVONO essere i primi a superarlo.
E’ arrivato PER TUTTI il momento di guardare la questione dal punto di vista della CONSAPEVOLEZZA ALIMENTARE.
Non solo la qualità, il gusto o l’aspetto nutrizionale di un determinato alimento, ma anche e soprattutto il suo percorso per arrivare sulla nostra tavola perchè TUTTO E’ CONNESSO e ciò che mangiamo tutti i giorni influenza enormemente la nostra salute, quella degli animali e del nostro pianeta.

 

Articoli correllati

IL CROLLO DEI VEGANI SECONDO I DATI EURISPES

Questa non è una testata medica, le informazioni fornite da questo sito hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale; esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di altri operatori sanitari abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non consentono di acquisire la necessaria esperienza e manualità per la loro pratica o il loro uso. Se ti sono state prescritte delle cure mediche ti invito a non interromperle né modificarle, perché tutti i suggerimenti che trovi su www.bio-haus.it  devono essere sempre e comunque confrontati con il parere del tuo medico curante.